<
 
 
 
 
×
>
hide You are viewing an archived web page, collected at the request of Greenpeace International using Archive-It. This page was captured on 03:32:49 Apr 06, 2020, and is part of the Greenpeace Archive collection. The information on this web page may be out of date. See All versions of this archived page. Loading media information
Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Sulla rotta della Leiv Erikisson per proteggere l'Artico

News - 22 aprile, 2011
Abbiamo bloccato i piani della piattaforma di esplorazione petrolifera Leiv Erikisson, partita oggi dal porto di Instanbul e diretta alla Baia di Baffin in Groenlandia alla ricerca di petrolio. Alle prime luci dell'alba, un team internazionale di attivisti ha raggiunto la piattaforma a bordo di gommoni per scalare la torre di trivellazione destra e aprire lo striscione "Stop the Arctic Destruction".

La Leiv Erikisson è oggi la piattaforma più pericolosa perchè è l'unica destinata, per conto della compagnia petrolifera Cairn Energy, a scavare nuovi pozzi offshore nell'Artico. In particolare la Baia di Baffin, dove la Leiv Erikisson dovrebbe entrare in azione tra poche settimane, è uno degli ecosistemi più fragili della regione polare. Ospita l'intera popolazione mondiale di narvalo, numerose colonie di uccelli marini e specie a rischio estinzione come la balenottera azzurra e l'orso polare.

Per proteggere questo ambiente incontaminato da pericolose perforazioni, i nostri attvisti sono pronti a un'occupazione a oltranza. Hanno a disposizione viveri per giorni e sanno che la Cairn Energy ha una finestra di tempo molto breve per perforare il fondo marino dell'Artico: la buona stagione nelle regioni polari dura poche settimane.

 

Le perforazioni della Leiv Erikisson sono previste a 1.500 metri di profondità, la stessa del disastro della Deepwater Horizon. Con la differenza che le temperature e le condizioni meteo estreme dell'Artico renderebbero problematica ogni risposta in caso di incidente. Gli impatti sull'ecosistema artico sarebbero gravi, impossibili da controllare.

L'unico modo che abbiamo per far cambiare rotta a compagnie come la Cairn Energy, che quida la corsa all'oro nero nell'Artico, è forzare i politici che spalleggiano le compagnie petrolifere ad adottare misure che riducono la nostra dipendenza dal petrolio.

La soluzione è semplice: invece di investire miliardi per trivellare fino all'ultimo pozzo o per promuovere una scelta insensata e pericolosa come il nucleare, basterebbe investire in energie rinnovabili e sostenibilità. Potremmo iniziare utilizzando motori più efficienti, con minori emissioni di CO2, grazie ai quali il petrolio offshore non servirebbe a niente.

Categorie